venerdì 1 marzo 2013

Sono una mamma

Dicono che si diventa mamme non appena stringiamo per la prima volta il nostro bambino.  



Per me invece mamme lo si diventa prima, durante i nove mesi di gravidanza in cui istintivamente ci prendiamo cura del  nostro pancione. Stiamo attente a non scontrare nulla, ben caute col mondo esterno,  i sensi di colpa se mangiamo qualche schifezza di troppo, le coccole e qualche dolce parola sfiorando il nostro pancione. 

Vi dirò...

...a volte mi viene da pensare che il mio essere mamma fosse più forte durante la gravidanza che adesso.  So che questa affermazione non è priva di malintesi. Intendo semplicemente che quando ieri sera una amica a cena mi ha chiesto cosa si prova a sentirsi mamma, ho realizzato che per il mondo esterno io sono la madre di mio figlio. Persino Colombo verrebbe a dirmi che ho scoperto l'America e sarò sincera: presa dall'accudimento quotidiano del cucciolo che non mi da nemmeno il tempo di fare la pipì, che non appena afferro un biscotto parte la sveglia proveniente dalla mini ugula d'oro e via alla corsa verso lo striscione "Arrivo" sito nel lettino del pupo. 
E' successo così... un giorno scopro di non essere più l'intenditrice di birre artigianali, la gustologa di diverse tipologie di teina, la scovatrice di viaggi last minute e la divoratrice di concerti.

Ma la musica sta cambiando... sì ragazze perché i nonni materni e paterni hanno entrambi pronunciato la fatidica frase: "quando volete lasciare il pupo e svagarvi, noi ci siamo!"

E così che stasera chiederò a mio marito dove ha messo il mio casco della moto.

10 commenti:

  1. se hanno proferito la fatidica frase, cogli al volo l'opportunità!
    i miei suoceri ultrasettantenni non l'hanno mai detta e ovviamente nel fine settimana escono molto più di noi ;-)

    RispondiElimina
  2. I nonni sono una risorsa anche per questo...i nostri figli si divertono e diciamolo, anche noi genitori!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Mio figlio già riconosce loro voci e penso a quando sarà più grande con loro...

      Elimina
  3. Eh si, sarai per sempre "la mamma di..." a scuola nn avrai più un nome proprio, quello che ti ha accompagnato da sempre, ma sarai "la mamma di..", bello vero?

    RispondiElimina
  4. Mi ricordo, all'ospedale, che prima del parto ero Silvia, dopo il parto sono diventata "mamma di...".
    Approfittate dei nonni, mi raccomando!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok lo farò! Anche a me ha emozionato sentirmi chiamare la mamma di... :-)

      Elimina
  5. Penso che quando si è in attesa si ha una visione romantica della maternità, poi, quando si accudisce il proprio bambino questa visione un po' cambia. è successo anche a me!
    quando sono andata però in distretto per la scelta del pediatra e ho detto, per la prima volta ad un estraneo: "sono la mamma di..." sono scoppiata a piangere dall'emozione (mamma esaurita io) :P
    goditi il tuo Prince ma anche il tuo maritino!!

    RispondiElimina
  6. Pensa che in 5 anni io quella frase non l'ho ancora mai sentita da nessuno... :((
    Essere mamme è fantastico, ma tira subito fuori il casco!!!!!

    RispondiElimina