domenica 10 febbraio 2013

L'era del surrogato

"E ricordatevi di non darvi imposizioni... perchè mai dire mai..." Ogni tanto ripenso alle parole dell'ostetrica del corso preparto. E aveva ragione! Ero fermamente persuasa dall'idea di non dare il ciuccio a Prince nel suo primo mese di vita e invece adesso lo ringrazio della sua esistenza. Lunatica? Incoerente? Questo è il fattaccio: nella prima settimana allattavo a richiesta. Bellissimo ma... ragadi a go go e latte... quale latte?? Dicono che più allatti più ne hai... A me non accadeva. Lo allattavo cosi spesso che ero svuotata e Prince implorava. Inoltre le odiose coliche lo inducevano a ciucciare per trovare conforto ma tutto questo ciucciare riempiva le giornate di ancora più coliche, ancora più rigurgiti e ancora più conatini. Venne il giorno della prima visita pediatrica. Stretto consiglio di allattare ogni 3 ore e mezza. Che?! La verità è che io avrei voluto allattate a richiesta, ma la richiesta era troppo grande per l'offerta. E poi un dubbio filosofico mi assaliva: chi aveva ragione? Le ostetriche o il pediatra?? (è toccato anche a me scoprire la storica diatriba come scoprire l'acqua calda!). E qualche giorno dopo ho trovato la risposta: io. E il giusto mezzo. Allattare più o meno ogni 3ore, nei casi gravi di sbrano implacabile 2 ore e mezza; temporeggiavo con lui ma senza sfinirlo, perchè l'idea di un piccolo che ha fame e vietargli di mangiare mi faceva sentire un mostro. Da quando abbiamo trovato questo equilibrio (fortunatamente molto presto) il piccolo dorme di notte, fa solo le sue poppate e normalmente salta addirittura quella intermedia notturna. Quando qualcuno mi chiede se dorme la notte, ho paura di rispondere si, specie davanti a persone i cui figli non gli hanno mai concesso questo lusso se non nei mesi a oltranza, perché immagino cosa significhi e portano ancora le occhiaie come ricordo. Oggi le ore tra una poppata e l'altra viaggiano sulle 3.30 circa. E la cosa più bella è che con Prince ci siamo venuti incontro, abbiamo fatto e stiamo facendo tutt'ora un cammino insieme.
In tutto questo entra in scena il surrogato mister ciuccio. Abbiamo iniziato solo in rari casi di emergenza, ma credo che dal primo giorno in cui ho aperto la confezione sapevo che non me ne sarei sbarazzerata molto facilmente. Adesso per Prince è diventato un must, se non ha il ciuccio non sei un leader. Credo che a un mese io stia già esagerando, ormai il surrogato si è messo in mezzo a noi e io so quando Prince lo reclama (sempre o quasi). Ormai mio figlio sa della sua esistenza. Il mio impegno è comunque di non lasciarglielo troppo. Non appena arriva il momento giusto glielo sfilo di soppiatto senza che se ne accorga. Ho letto che troppo ciuccio potrebbe spaesarlo nel poppare latte materno, specie nel primo mese in cui l'allattamento al seno è in fase di avvio. Mi sembrava una cosa assurda, pensando che se il piccolo ha fame mangia per forza. Da due giorni Prince fatica ad attaccarsi (cosa mai accaduta) ma ho notato che in questi 2 giorni il seno non è quella botta di vita di esplosione della quarta taglia che di solito ho da quando allatto. E così sono presa a cambi di pannolino e sgolate di tisane e bottiglie di acqua per cercare di aumentare il latte (già in passato mi era capitata la stessa cosa ma dopo 2 giorni il seno era rinvigorito di latte). Chiedo aiuto alla signora fascia dentro alla quale non è concesso entrare al piccolo surrogato. Oppure al naso del papà ma quello è stato un trucco per capire se ha fame o no! :D

9 commenti:

  1. Come dici tu, non farsi imposizioni, poi se non le rispetti, per sfinimento o per altra ragione, ti senti una fallita e questo non fa bene alla propria autostima. Il cuiccio? Dovrai toglierlo verso i tre anni di età, di tempo ne hai, quindi, perchè preoccuparsi adesso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giustissimo! Un abbraccio Moky spero il tuo ragazzo sia in ripresa!

      Elimina
  2. per me (e suppongo anche per mio figlio) l'allattamento naturale è stato un incubo, finito quando sono passata definitivamente al latte artificiale. Mi era stato detto di attaccarlo ogni volta che manifestava fame e, comunque, il più possibile in modo da aumentare la produzione di latte. Mio figlio è sempre stato tremendamente impaziente e non ne voleva sapere di aspettare che il mio latte arrivasse, il giorno che sono passata al latte artificiale è stata una liberazione per me e probabilmente anche per il bambino (ho eliminato anche lo stress della doppia pesata, che secondo me è una cosa abbastanza inutile).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prima di ogni cosa bisogna combattere lo stress mamma serena = bimbi sereno! Dunque meglio LA che stress e lo scrive una che è sostenitrice dell'allattamento al seno.

      Elimina
  3. Sarà banale, sarà semplicistico, ma penso che una mamma sa, sa cosa e' meglio e cosa e' giusto. Al di la delle regole, dei consigli e dei suggerimenti, segui il tuo cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. verissimo però ho visto mamme andare in tilt e chiedere aiuto continuamente cercando la risposta "fuori" quando credo che l'unica vera risposta sia dentro di noi e nel rapporto con nostro figlio che solo noi possiamo conoscere veramente.

      Elimina
  4. Mamma mia quanto è bello!!! Viva Prince!

    Considera che ci sono dei periodi in cui i bimbi mangiano un po' meno... poi recuperano, e si mettono a succhiare come matti per stimolare la produzione del latte.
    Stai tranquilla, quando avrà fame veramente il ciuccio lo farà volare fuori dalla finestra!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo anch'io che quando avrà fame il ciuccio lo farà volare :) se poi ha preso dal papà e della mamma mangerà eccome e già sembra sulla stessa strada :D
      Grazie dei complimenti un abbraccio!

      Elimina
  5. No è che le ostetriche prima e i pediatri poi ti attaccano un ansia con sto allattamento che mhh che nervoso che Ti fan venire !
    Tu fai quello che Ti senti ;-)

    RispondiElimina