martedì 6 novembre 2012

"La giornata dell'attesa"

Mamma e Prince in attesa

Dal 6 novembre 2012 si celebra in tutto il mondo la "giornata dell'attesa" lo sapevate? Tale giornata ingloba nel suo aspetto semantico stress, attesa ovviamente e insulti gratuiti tra la gente intorno a te. I miei festeggiamenti si sono svolti nel seguente modo: sveglia presto (forse non troppo) per ritiro ticket prenotazione esami mensili. Notare i diciannove anziani davanti a te, approfittare dell'attesa e recarsi intanto alle poste, ritirare il biglietto e spaventarsi per le trentasei anime stanche che ti precedono. Tornare dagli esami, attendere quarantacinque minuti e l'unica persona che nota la panza e sbraita: "che maleducazione gente, una signora in dolce attesa e nessuno di voi che la fa passare avanti!" e la sala diventa un ring di urla e insulti. Morale: mai fidarsi delle apparenze, la donna che voleva cedermi il suo posto ha tre numeri dopo il mio. Prenoto le analisi, corro alle poste, si aprono le porte e vedo il mio bellissimo numero illuminarsi sul tabellone. Corro al traguardo numero cinque e...  ...la dipendente, sorridente, mi sussurra: "arrivo subito!". Scopro "presto" che il suo "subito" aveva una durata di venti minuti. E mi chiedo se ho sempre sbagliato concezione, credendo che un "subito" durasse qualche secondo!

14 commenti:

  1. Che nervoso...
    anche a me era successo, alla motorizzazione per rifare la patente.
    quando è arrivato il turno mio e del mio panzone, l'impiagato ha detto che doveva fare pausa, ha tirato fuori il cartello TORNO SUBITO e se ne è placidamente andato per oltre 10 minuti.
    Sapessi quante emorroidi gli ho augurato, ahahah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah! Immagino! A me poi succede sempre più frequentemente che durante l'attesa mi scappa la pipì e allora divento ancora più acida! :D

      Elimina
  2. In genere e' così ma non alle poste!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le poste si dividono in: quelle dotate di personale veloce ed efficiente e quelle con personale lento e defic..... !!! Ecco da me purtroppo è presente il secondo modello.

      Elimina
    2. Mai visto una posta del primo modello!!! Purtroppo!!!

      Elimina
  3. guarda, la cosa più assurda che ho mai visto è stata una sala d'attesa nel reparto dove si fanno gli esami in gravidanza al Sant'Anna di Torino: tutti i posti occupati, uomini spaparanzati (e presumibilmente molto perspicaci) sulle sedie e qualche donna incinta in piedi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi è capitata la stessa cosa dal medico mesi fa... non stavo bene, arrivo in sala di attesa e di 12 pazienti si alza l'unico uomo, un signore anziano, per farmi sedere. Le signore prima di me vedevano che stavo male e non mi hanno fatto passare. L'ultima, una anziana prima di me, mi ha anche detto: "resista che dopo di me tocca a lei e così intanto si abitua alle contrazioni!" :o Il dottore ha sentito e l'ha ripresa! ;)

      Elimina
  4. ahhhhhhhhhhhhhhhh! io non sopporto aspettare... per questo sono spesso in ritardo e alle poste ci mando il marito!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mio marito mi frega sempre perché ha meno tempo di me :(

      Elimina
  5. Il problema è che in Italia non c'è la cultura che chi è in "dolce attesa" dovrebbe avere il sacrosanto diritto per quel periodo di soli 9 mesi di non attendere altro!!! ed invece maleducazione go go!!! facciamo finta di non vedere la donna che è già in attesa!!!
    baci

    RispondiElimina
  6. Sai quante volte è successo anche a me??? Che non mi facessero passare avanti...intendo!!!
    e comunque la cosa peggiore della gravidanza??? gli esami mensili!!!

    RispondiElimina